Bon Natale!

 

Ne la reggia der celo in paradiso

Li magnifici tre stanno a consijo

Ce sta un proggetto in aria, condiviso

E core voce ch’ariguardi er fijo

 

L’amore bisbijanno dice ar Verbo

«Ce sèmio è pax romana ‘nde la storia

potemo sortì fora dar riserbo

e anna’ a manifestà de Dio la gloria!

 

Va dar Capoccia e, co’ diplomazzia,

Fajela diggerì ner giusto verzo,

Perché – resti tra noi – ‘steconomia

Ce costa assai de più che l’univerzo.

 

Ma si tu sei deciso, a parer mio,

Questo è er momento giusto; fallo in fretta!

E nun je di’ che te lo detto io,

Tanto lo sa da sempre e se l’aspetta.»

 

Er Fio, senza penzacce su du’ vorte,

Core dar Padre e, a testa su la spalla,

«Papà – je dice – annamo pe’ le corte,

Si tu permetti noi voremmo falla…»

 

«Ma che?» – fa quello – «L’in-car-naz-zi-o-ne!»

riprenne er Fio, stringennose a su Padre.

«Te lo confermo in tutta convinzione,

voio pijamme un corpo ed una Madre.

 

Così, dopo tant’anni de tristezza

E de peccato e tenebra, l’umani

ciavranno ‘na barchetta de salvezza;

Basta che je ce allungheno le mani.»

 

“Già… ma ‘sta barca Fio – riprenne er Padre –

che galleggi pe’ secoli sui flutti,

ce costerà un crocione, a te, a tu Madre,

a me, a lo Spirto Santo, inzomma a tutti!»

 

«Papà, papino bello, Abbà! – fa er Fio,

pe’ gnente impressionato da ‘ste cose –

Nissuno te capisce quanto io

Ma… senza spine nun ce so’ le rose!

 

Suvvia guardeli là, poveri fij,

Senza speranza, illusi, innotizzati

Da le gioie der monno e dai consij

De Satanasso che ce l’ha imbrodati!

 

Lui li straporta tutti pe’ i fonnelli,

Co’ li miraggi, le bucie, cor gnente!

Ma a te so’ sempre fij e a me fratelli,

E poi so’ propio tanti, tanta gente!»

 

«Ma tu lo sai ner monno che t’aspetta?

– riprenne er Padre – sai si che fanfara?

‘Osanna’ e ‘crucifigge’! Damme retta,

Famo giustizzia e via, così s’empara!»

 

«E’ vero – pensa er Fio – nun me conviene!…»

Ma, fissi l’occhi santi su ‘sto monno,

fa carmo: «Però io je vojo bene,

e pure Te, si te conosco a fonno!»

 

«’Ndo’ sta lo Spirto Santo?» – fa l’Eterno

girannose co’ ‘n nodo ne la strozza.

Ma quello, con un fischio de governo,

Già aveva preparato la carozza.

 

Allora er Padre, in lacrime, li abbraccia,

Li bacia e dice grave: «Me fa male…

Ma, si così sta scritto, fiat, se faccia.

Va’ Fijo, t’arigalo, e bon Natale!»

(S. Leoni)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *